.

sophired
cerchiamo di essere amabili, non ostante tutto...
politica interna
12 settembre 2010
La Bersòla
Dopo aver ascoltato il discorso del segretario del PD, ritengo utile copiare qui un post che ho scritto lo scorso anno su un altro blog.

Insomma, pare che Pier Luigi Bersani - dalemiano di ferro e fedele latorre... ups, scusate... latore di tutte e 'ntifiche le istanze politiche del baffetto - abbia battuto di 20 punti percentuali San Franceschini - per dirla con Vauro - in una tornata di prova presso varie sezioni PD fatta in vista delle primarie. Io Bersani personalmente non l'ho mai visto né conosciuto, ma ho potuto parlare con il suo assistente per un accordo sull'eventuale aggiornamento del suo sito elettorale. Per far questo ho dovuto telefonare a Bruxelles perché, non so se qualcuno di voi se ne è mai accorto, Bersani dal 2004 era deputato italiano al Parlamento Europeo. Volendosi presentare alle elezioni del 2006, pensava di dare una rinfrescatina alla sua presenza on line, anche se il suo assistente non sembrava molto convinto. Così, fra una parola e l'altra, ho commentato la presenza - anzi, dovrei dire il presenzialismo - notevole del suo capo. Alché il ragazzo mi fa: "Sì, in effetti Bersani è uno dei politici più conosciuti", con una punta di orgoglio decisamente malcelata. Io a quel punto mi sono stata zitta, ma quello che ho pensato è stato: "Eccerto, sta sempre in televisione invece di lavorare!". E anzi, mi ha anche un po' indignato che il ragazzo preferisse vantarsi più del fatto che il politico per cui lavorava fosse famoso, piuttosto che fosse bravo. Ma in realtà sono stata ingenua. Uno, perché per come sta messa la politica a sinistra oggi, andare in TV e lavorare per loro è la stessa cosa. E se no tutta questa berlusconidipendenza non la sviluppavano. E poi, sempre per loro - e forse come ovvia conseguenza - essere bravi ed essere famosi è anche lì la stessa cosa. Anche perché Bersani non è uno "bravo". Di gestione della cosa pubblica - come feuDalema, del resto - non ci capisce niente (o non ci vuole capire, magari perché non gliene frega niente, fate voi). Ha provato a fare quella cosa della liberalizzazione dei taxi, che poi si è rivelata un flop pazzesco facendo inizialmente proclami rivoluzionari e rivelatasi poi una megabufala, costringendo a Roma l'allora sindaco Veltroni a miserrimi compromessi. Per non parlare poi della norma sui farmaci da banco da vendersi ai supermercati  (bello direte, peccato solo che i farmacisti acquistano contemporaneamente la facoltà di avere più licenze intestate alla stessa persona, il che favorisce le concentrazioni nel settore) o del pagamento delle prestazioni professionali da farsi con la carta di credito (buffonata che non impedisce assolutamente di inciuciare al nero, se uno vuole). Sua è anche l'abolizione dei costi di ricarica, che tutti hanno maledetto perché in concomitanza non si è imposto ai provider di non aumentare i costi delle telefonate. Ora, sarà anche caduto il governo nel 2008, ma già da questo si capice che piega avrebbe preso il tutto; e vien da dire che se uno così non lavora, forse è anche meglio. Come si dimostra,  questa è l'unica "cosa" che 'sta gente è in grado di gestire: la loro. E adesso, con queste primarie, il nostro sta mettendo a frutto tutta la sua iperattività ospital-televisiva, e si sta circondando da un'apoteosi di celebratività che poi, stringi stringi, sempre da lì viene. Ha imparato bene da Berlusconi, il nostro. E vince anche se al dunque è il più fetecchia di tutti - perché lo è, su questo non ci sono dubbi. E sta applicando la lezioncina con meticolosità e convincimento. Così, se il turtelèn della politica sinistroide riesce a diventare Segretario del PD, ecco che feuDalema s'è davvero preso tutto, e con il classico stile andreottiano, cioè andando in giro a dire: "Io? Io oggi nel partito non  sono nulla! Sono solo il presidente della Fondazione ItalianiEuropei". Beato chi ci crede.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd bersani elezioni segretario

permalink | inviato da Sophired il 12/9/2010 alle 22:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 26969 volte

Come te nessuno mai...

Via col vento
Bruce Springsteen
Marylin Monroe
Henry Moore
Maria Callas
Andrea Camilleri
Glenn Gould
Umberto Saba

Disclaimer: le immagini qui riprodotte sono state trovate su Internet, liberamente scaricabili. Se ne presume la possibilità di farne un uso quantomeno amatoriale e non a scopo di lucro. Se malgrado ciò risultassero lesi i diritti d'autore di terzi, previo avviso le immagini indicate verranno immediatamente rimosse


Add to Technorati Favorites




IL CANNOCCHIALE